Le migliori elaborazioni per la Vespa 50 Special

0

L’iconico scooter, nato nel 1946 dall’azienda aeronautica Piaggio, in cinquant’anni ha lanciato sul mercato oltre 35 modelli diversi. Il più celebre è senza dubbio quello uscito nel 1969, la Vespa 50 Special. Tutti conosciamo la famosissima canzone di Cesare Cremonini che prende il titolo proprio da questo modello; “ma quanto è bello andare in giro con le ali sotto i piedi, se hai una Vespa Special che ti toglie i problemi”.

Le caratteristiche principali della Vespa 50 Special si evidenziano dal punto di vista estetico, sul manubrio e sul fanale anteriore e posteriore. Nel 1969 è stata lanciata sul mercato anche una versione innovativa, la Vespa 50 Elestart che consentiva l’iniezione elettrica ma che conservava lo stesso design. Per informazioni sulla nascita della vespa e su quanto sia importante trovare pezzi di ricambio di qualità vi rimando al nostro articolo dedicato

Nel 1991 invece, la Piaggio ha provato a cavalcare l’onda del successo di qualche anno prima con la creazione della Vespa 50 Special Revival, prodotta in serie limitata, infatti si contano solo 3000 esemplari. Il concept alla base di questo modello era offrire la possibilità ai giovani di quella generazione di salire in sella a una Vespa come negli anni ‘60. Un modello è tutt’ora esposto al Museum of Modern Art (MoMA) di New York.

La Vespa 50 Special ottenne molto successo soprattutto tra i giovani, specialmente per tre fattori. Il primo è stata senza dubbio la geniale pubblicità con la nota reclaim che recitava: “Chi Vespa mangia le mele (chi non Vespa no)”. In secondo luogo si poteva guidarla anche senza possedere la patente e terzo la semplicità meccanica permetteva di fare riparazioni senza essere meccanici, in tutta facilità e con una spesa contenuta.

La Vespa 50 Special grazie alle sue peculiarità si presta a subire modifiche e trasformazioni, con lo scopo di migliorarne le prestazioni e renderla più funzionale e confortevole con l’aggiunta di accessori. Ma vediamo quali sono le elaborazioni migliori che possiamo apportare alla nostra iconica Vespa 50 Special.

Sella a due posti

La sella in dotazione alla 50 Special è monoposto ma ha la chiusura a levetta senza chiave quindi non è in grado di proteggere adeguatamente tutto ciò che si trova sotto, ovvero serbatoio, carburatore, libretto e tasca per gli attrezzi. Una sella alternativa biposto è senza dubbio più comoda; consigliamo di acquistarne una dotata di chiave per mettere al sicuro gli elementi sopracitati.

Faro anteriore con lampada alogena

Il faro originale della 50 Special non è per niente sicuro quando si guida di notte, perché non è in grado di fare abbastanza luce. Suggeriamo un faro liscio con lampada alogena e una parabola studiata ad hoc che non richieda di mettere mano all’impianto elettrico della Vespa. Magari non sarà possibile trovare un faro super ma di certo uno più potente in grado di permettere una guida tranquilla anche in mancanza di luce naturale.

Motore a cilindro

Se volete fare delle modifiche al motore potete partire dalla cilindrata. Ad esempio il Polini 75 cc in ghisa è delicato ma efficace.

Marmitta

Uno dei più famosi modelli in commercio per gli amanti della Vespa è senza dubbio la Proma. Ha un ottimo rapporto qualità prezzo.

Condividi.

Lascia una risposta